Questo sito contribuisce alla audience di

Rignano, Eugènio

ingegnere e filosofo della scienza italiano (Livorno 1870-Milano 1930). Conseguita nel 1893 la laurea in ingegneria industriale, volse i suoi studi a questioni scientifiche e filosofiche. Seguace dell'indirizzo neolamarckiano, nel tentativo di spiegare l'ereditarietà dei caratteri acquisiti riprese e sviluppò la dottrina fondata su un ipotetico meccanismo di memoria biologica risalente al fisiologo tedesco E. Hering, rimanendo però sostanzialmente nell'ambito di un'impostazione materialistica. Fondatore della rivista Scientia (1906), si occupò anche di sociologia e di economia politica. Il suo libro Di un socialismo in accordo alla dottrina liberale (1901) sollevò ampi dibattiti politici e culturali. Tra le altre opere si ricordano: Il fine dell'uomo (1923), Cos'è la vita (1926), Problemi della psiche (1928).

Media


Non sono presenti media correlati