Questo sito contribuisce alla audience di

Rohmer, Eric

pseudonimo del regista cinematografico francese Maurice Schérer (Tulle, Corrèze, 1920-Parigi 2010). Dopo aver insegnato dal 1942 al 1950 in un liceo di Nancy, conosciuti J.-L. Godard e J. Rivette, fondò con loro La gazette du cinéma di cui divenne redattore-capo. In seguito a questa breve esperienza entrò nella redazione del Cahiers du Cinéma come responsabile dal 1957 al 1963. Dopo aver esordito come regista nel 1950 con un cortometraggio, nel 1959 girò il suo primo lungometraggio, Il segno del Leone, che contiene tutti i temi sviluppati poi ampiamente nei lavori successivi. Passato dalla critica alla regia, come molti esponenti della , Rohmer si affermò più tardi con la serie Racconti morali, sei film girati tra il 1962 e il 1972, che rappresentano la sua rigorosa visione del cinema, derivata da Bresson e Bazin. I sei film, tra cui si ricordano La collezionista (1967), La mia notte con Maud (1969), Il ginocchio di Claire (1970), L'amore il pomeriggio (1972), ambientati in provincia, portano avanti con una struttura dalle caratteristiche letterarie, con un sottile gioco dialettico di impronta cristiana, con angoscia esistenziale da moralista contemporaneo e, allo stesso tempo, con aperture anticonformiste e “libertine” di suggestione settecentesca, una ricerca di tipo interiore. Dopo i rigorosissimi film in costume La marchesa von ... (1976), opera tratta da Kleist con cui Rohmer ottenne un grande successo, e Perceval le Gallois (1978), il nuovo ciclo Commedie e proverbi, con i tre deliziosi film La moglie dell'aviatore (1980), Il bel matrimonio (1982) e Pauline alla spiaggia (1983), perseguì una comicità alla Marivaux, ritornando a mettere in luce i risvolti psicologici. Seguirono alla sofisticata e ironica commedia Le notti della luna piena (1984), Il raggio verde (1986), vincitore del Leone d'Oro a Venezia, L'amico della mia amica (1987), i primi tre episodi della tetralogia "Racconti delle quattro stagioni", Racconto di primavera (1990), Racconto d’inverno (1992) e Racconto d’autunno (1998), e L'albero, il sindaco, la mediateca (1993), Incontri a Parigi (1995), Un ragazzo...tre ragazze (1996). Nel 2001 Rohmer ha presentato alla Mostra del cinema di Venezia il film in costume La nobildonna e il duca (2000), ricevendo in quell'occasione il Leone d'oro alla carriera. Nel 2005 ha diretto Triple Agent e nel 2007 ha presentato sempre a Venezia Gli amori di Astrea e Céladon.

Media


Non sono presenti media correlati