Questo sito contribuisce alla audience di

Romita, Giusèppe

uomo politico italiano (Tortona 1887-Roma 1958). Direttore del giornale torinese Il grido del popolo e deputato socialista dal 1919 al 1924, durante il ventennio fascista subì persecuzioni e condanne al confino (1926-30; 1930-34). Dal 1942 collaborò alla ricostruzione clandestina del partito e dopo la guerra fu membro della Consulta e della Costituente, senatore (1948-53), deputato (1953-58) e ministro dei Lavori Pubblici (1945; 1946-47; 1955-57), dell'Interno (1945-46) e del Lavoro (1947). Nel 1949 abbandonò il PSI fondando il Partito Socialista Unitario che successivamente confluì nel Partito Socialista dei Lavoratori Italiani di Saragat dando così origine al PSDI.

Media


Non sono presenti media correlati