Questo sito contribuisce alla audience di

Romualdo di Camàldoli

santo (Ravenna ca. 952-Val di Castro, Fabriano, 1027). Benedettino (ca. 970), abbracciò poi la vita eremitica con un certo Marino, stabilendosi nel Veneto. Rientrò a Ravenna ca. 10 anni dopo e nel 988, appoggiato dall'imperatore Ottone III, fu nominato abate di S. Apollinare in Classe, carica che lasciò presto (999) per riprendere la vita eremitica, durante la quale fondò in Italia diversi cenobi ed eremitaggi che furono centri fervidi di riforma monastica: tra essi spiccano l'eremo di Vallombrosa e soprattutto quello di Camaldoli, centro dell'omonima congregazione dei monaci camaldolesi da lui fondata nel 1012. Festa il 7 febbraio.

Media


Non sono presenti media correlati