Questo sito contribuisce alla audience di

Rotèlla, Mimmo

pittore italiano (Catanzaro 1918-Milano 2006). La sua attività artistica iniziò a Roma, nel 1949, con i primi “poemi fonetici” e la ricerca sulla musica primitiva, proseguendo nel 1951-52 come borsista all'Università di Kansas City. Rientrato in Italia, si affermò nel 1954 con le composizioni di manifesti strappati, sovrapposti, incollati sulla tela e successivamente elaborati, i celebri décollages (In edicola, 1960; ‘A' rosso con donna, 1962; Omaggio al presidente, 1963), con i quali ha inteso, insieme alla denuncia polemica, affrancare l'immagine mercificata dagli artifici delle ambiguità consumistiche e per i quali il teorico dei nouveaux réalistes, Pierre Restany invitò Rotella ad aderire al gruppo parigino. Ai décollages seguirono altre esperienze, tra cui le fotografie su tela emulsionata del 1963 e le immagini del 1970 che includono materiali e tecniche tipografiche. Tornato nel 1984 alla pittura, nei termini di un graffitismo istintivo e gestuale (The American Flag, Jonas, Audio Video, 1989), negli anni successivi Rotella proseguì la sua ricerca artistica dedicandosi alla scultura.

Media


Non sono presenti media correlati