Questo sito contribuisce alla audience di

Rotse

Guarda l'indice

Generalità

Popolazione africana di lingua bantu stanziata nelle regioni occidentali della Zambia (Bulozi). I Rotse, il cui nome etnico è Lui o Lozi, sono agricoltori e allevatori organizzati in clan patrilineari; nella loro cultura rimangono vive tracce di una probabile origine niloto-camita: regalità sacra, allevamento del bestiame, esistenza di clan militari, uso del coltello da getto, ecc.

Storia

In epoca non antecedente forse al sec. XVII i Rotse – il cui primo re si riteneva discendente d'una mitica donna figlia di Nyambe, l'Essere Supremo – dettero vita a un sistema politico assai sofisticato, con un potente sovrano o capo supremo che regnava su un complesso sistema di consigli formati da membri della famiglia reale e da anziani. Nella prima metà del sec. XIX, i Rotse dovettero soggiacere alla conquista delle genti Kololo, provenienti dal sud e guidate da un giovane guerriero a nome Sebitwane, che stabilì la capitale a Linyanti, a sud dello Zambesi. Sotto i successori di Sebitwane, i Kololo furono però attaccati e sterminati (1865). Qualche decennio più tardi Lewanika, capo supremo della restaurata dinastia Rotse, stipulava un trattato con la British South Africa Company (1890), che doveva portare quel regno sotto l'influenza dell'Inghilterra nel contesto della colonia della Rhodesia del Nord. Il Barotseland è però rimasto un'entità fisicamente, politicamente e culturalmente distinta. Al momento dell'indipendenza che ha trasformato la Rhodesia del Nord nella Repubblica di Zambia (24 ottobre 1964), il re (o litunga) del Barotseland, sir Mwanawina Lewanika III, concordava con la Gran Bretagna la decadenza degli accordi a suo tempo sottoscritti tra le parti e accettava di entrare a far parte integrante del nuovo Stato africano, conservando però una larga autonomia interna.

Arte

I Rotse, a cui sono forse attribuibili alcune delle costruzioni più tardive di Zimbabwe, tra cui il tempio, possedevano un particolare talento per l'arte dell'intaglio che applicavano alla produzione di magnifici oggetti d'uso (poggiatesta, troni, pipe scolpite a forma di testa umana, cesti, ecc.).

Media


Non sono presenti media correlati