Questo sito contribuisce alla audience di

Rousseau, Jean-Baptiste

poeta francese (Parigi 1671-Bruxelles 1741). Figlio di un calzolaio abbastanza agiato da permettergli di studiare al collegio Louis-le-Grand, fu incoraggiato alla poesia da Boileau. Ma le satire che diresse contro i letterati del tempo, e specialmente i “Moderni”, gli procurarono numerosi nemici e gli preclusero nel 1710 l'entrata all'Académie Française, alla quale si presentava con un modesto bagaglio di liriche, epigrammi, odi (genere in cui fu particolarmente apprezzato) e qualche lavoro teatrale di scarso successo (Le flatteur, 1696, L'adulatore; Le capricieux, 1700, Il capriccioso). Se ne vendicò con epigrammi e libelli velenosi, sicché gli fu attribuita anche la paternità di certi versi ingiuriosi di cui a sua volta egli accusò Saurin, dell'Académie des Sciences. Condannato per calunnia all'esilio, non riuscì mai a ottenere la riabilitazione. Visse gli ultimi venti anni a Bruxelles, facendo a Parigi solo un breve soggiorno in incognito. Scrisse ancora odi sacre e cantate, comprese nell'edizione completa delle sue opere del 1757. Scambiando l'eloquenza di questo erede dei classici per ispirazione, il Settecento lo celebrò come grande poeta.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti