Questo sito contribuisce alla audience di

Ruffini, Agostino

patriota italiano (Genova 1812-Taggia, Imperia, 1855). Fratello di Giovanni e di Jacopo, dapprima carbonaro e poi affiliato alla Giovine Italia, per sfuggire a un possibile arresto della polizia sabauda nel 1832 si rifugiò a Marsiglia e quindi a Ginevra. Dopo aver avuto parte notevole nell'organizzazione della spedizione in Savoia (1834), si rifugiò di nuovo in Svizzera e di qui a Londra. Separatosi da Mazzini per una serie di contrasti, si recò a Edimburgo (1840) dove visse dedicandosi all'insegnamento e agli studi filosofico-letterari. Ritornato in patria nel 1848, fu eletto deputato di Genova e nominato provveditore agli studi, ma colpito da una grave malattia fu costretto a ritirarsi a vita privata.

Media


Non sono presenti media correlati