Questo sito contribuisce alla audience di

Sàtana

sm. [sec. XIV; dall'ebraico Sāṭān, nemico, avversario] Nell'Antico Testamento nome dell'angelo che, alla corte celeste, adempie alle funzioni di “pubblico accusatore” contro chi tiene una condotta sospetta nell'osservanza della legge divina. La sua evoluzione in angelo decaduto e principe del male è avvenuta sotto l'influenza del principio dualistico del Bene e del Male in epoca persiano-macedonica. Nel Nuovo Testamento, Satana è ormai il “maligno” (Matteo 13,19), “il principe di questo mondo” (Giovanni 12,31) e la sua figura si confonde con quella del diavolo: lo prova la scena della tentazione di Gesù nel deserto, dove Luca chiama il tentatore 'diavolo', mentre Matteo e Marco lo indicano appunto come 'satana'. Nell' iconografia è assimilabile al demonio.

Media


Non sono presenti media correlati