Questo sito contribuisce alla audience di

Sītā

(sanscrito, il solco), unica moglie di Rāma, così battezzata perché nacque da un solco tracciato dal padre durante una cerimonia sacrificale per ottenere progenie. È l'eroina del Rāmāyana, incarnazione di Lakṣmī, discesa sulla terra per portare a compimento la distruzione del demone Rāvaṇa, che la rapì senza però riuscire a sedurla. Fu liberata dal marito, che uccise Rāvaṇa, e che però, non volendo credere alla sua virtù, la cacciò incinta nella foresta, a morire di stenti. Qui Sītā dette alla luce due gemelli, Kuśa e Lava, che quindici anni più tardi entrarono in conflitto col padre per il possesso di un cavallo destinato al sacrificio. Meravigliato da tanto ardire Rāma volle conoscere i valorosi giovanetti e si avvide che essi avevano le sue stesse fattezze. Preso dal rimorso, Rāma richiamò presso di sé la sposa vilipesa, discolpandola pubblicamente. Ma Sītā non lo perdonò e invocò sua madre affinché la riprendesse con sé. La terra allora si aprì e Sītā disparve nel solco che le aveva dato vita.

Media


Non sono presenti media correlati