Questo sito contribuisce alla audience di

SED

sigla di Sozialistische Einheitspartei Deutschlands (Partito Socialista Unificato Tedesco), il partito di maggioranza assoluta della Repubblica Democratica Tedesca. Si costituì nel 1946 dalla fusione del Partito comunista con una frazione del Partito socialdemocratico. Investito dal processo di rinnovamento sviluppatosi in tutto l'Est europeo alla fine degli anni Ottanta, dopo anni di monopolio del potere, il SED entrava in crisi nel 1989; alti dirigenti arrestati, calo di iscritti, fine del ruolo di partito unico. Cambiata la denominazione in Partei des Demokratischen Sozialismus (PDS), nelle prime elezioni libere (marzo 1990), gli ex comunisti raccoglievano il 16% dei voti (66 seggi) battuti da CDU e SPD. Nelle successive elezioni politiche della Germania unificata (novembre 1990), il PDS otteneva solo 17 seggi. Alle elezioni europee (giugno 1994), il PDS non raggiungeva la soglia minima del 5% dei voti, mentre alle elezioni tedesche per il rinnovo del Parlamento (ottobre 1994) conquistava 30 seggi al Bundestag grazie ai voti ottenuti nei Länder dell'ex Repubblica Democratica Tedesca; alle consultazioni politiche del 1998 guadagnava altri sei seggi. Nel 2005 si è fuso con il Partito della Sinistra.

Media


Non sono presenti media correlati