Questo sito contribuisce alla audience di

SS433

oggetto peculiare di 14m nella costellazione dell'Aquila, già classificato come sorgente radioemittente. Nel 1977, il satellite Einstein (HEAO 2) vi ha accertato emissione di radiazione X, mentre successive osservazioni spettroscopiche al suolo rivelavano caratteristiche straordinariamente anomale nella posizione, numero e variabilità delle righe dell'H e dell'He. Il modello fisico che ne è stato tratto è risultato dei più istruttivi, avendo aiutato a comprendere larga parte di fenomenologie celesti nelle quali sono coinvolti stati di attività violenta.