Questo sito contribuisce alla audience di

Saʽid Pascià

viceré d'Egitto (Il Cairo 1822-Alessandria 1863). Secondo la prassi musulmana, assunse i poteri alla morte di ʽAbbās I, figlio del fratello maggiore Ṭuṣūn. Procedette alla riforma agraria nell'intento di ridurre i danni provocati dal latifondo e abolì la schiavitù (1856). L'atto più importante del suo governo fu la concessione fatta nel 1856 a Ferdinand Lesseps per lo scavo del canale di Suez. In suo ricordo fu battezzata Bûr Saʽıd (Porto Said), la città sorta all'estremità settentrionale del canale.