Questo sito contribuisce alla audience di

Saint-Simon, Claude-Henri de Rouvroy, cónte di-

pensatore francese (Parigi 1760-1825). Allievo di D'Alembert, partecipò alla guerra d'indipendenza americana e in quel mondo nuovo e libero da ogni assolutismo preparò il suo spirito ad accettare i principi della Rivoluzione francese. Riconoscendo alla scienza funzioni di chiarezza e di sistematizzazione, Saint-Simon vide i rapporti sociali come “fenomeni fisiologici”, che vanno quindi studiati sotto l'aspetto “fisicistico” procedendo con metodo scientifico, lontano da ogni metafisica. L'umanità, sostenne, dovrebbe essere retta da un “consiglio di scienziati”. Negando poi il presupposto giusnaturalistico dell'uomo asociale, egli lo considerò invece inserito sin dall'inizio in un'organizzazione collettiva progressiva, in uno svolgimento storico non lineare, perché disturbato da età critiche di anarchia individualistica, ma tendente sempre a ulteriori progressi. In questa società i capi dovevano essere gli scienziati e i produttori, essendo essa fondata sul lavoro, che crea ordine e collaborazione. L'attività del governo doveva ridursi perciò solo alla funzione amministrativa, mentre il potere legislativo spettava agli “industriali” (il termine è suo) e quello esecutivo ai banchieri. Credendo nella pura razionalità del suo sistema, Saint-Simon pensava che l'esercizio della libertà non dovesse più costituire un problema. Avanzando negli anni però Saint-Simon perse questa fiducia nella forza della ragione e al buon funzionamento della sua società ideale dette come fondamento una religione rinnovata (Nouveau Christianisme, 1825), nella quale la nuova morale doveva avere a suo fondamento la fratellanza umana. Opere: L'industrie (1816-18), L'organisateur (1819-20), Système industriel (1821-22), Cathéchisme des industriels (1823-24). Le sue teorie hanno dato origine alla dottrina che da lui prese il nome di sansimonismo.

G. Gurvitch, Les fondateurs française de la sociologie contemporaine: Saint-Simon et Prudhon, Parigi, 1955; M. Agulhon, Una ville ouvrière au temps du socialisme utopique, Parigi, 1970; F. Gentile, Saint-Simon in Italia, Napoli, 1971; F. Pitocco, Utopia e riforma religiosa nel Risorgimento, Bari, 1972; R. Treves, La dottrina sansimoniana nel pensiero del Risorgimento, Torino, 1973; I. Manfredini, Henri Saint-Simon, Milano, 1988.