Questo sito contribuisce alla audience di

Salènto o Penìsola Salentina

regione peninsulare (ca. 5800 km²) della Pugliasudorientale, corrispondente al territorio della provincia di Lecce e a parte di quello delle province di Taranto e di Brindisi. Si estende dalla cosiddetta “Soglia Messapica” (ultime ondulazioni delle Murge) verso SE fino al capo Santa Maria di Leuca, tra il golfo di Taranto (mar Ionio) e il canale d'Otranto (mare Adriatico). Di costituzione prevalentemente calcarea, è caratterizzata da un paesaggio tipicamente carsico con modesto sviluppo dell'idrografia superficiale e diffusione di doline, grotte e cavità sotterranee. Nel paesaggio salentino, che è piuttosto uniforme, si individuano alcune regioni minori, quali le Murge Tarantine, il Tavoliere di Lecce e Le Serre. Il clima è molto dolce, con temperature medie annue di 16 ºC e precipitazioni, prevalentemente invernali, oscillanti tra i 500 e gli 850 mm annui. Rispetto al resto della Puglia, l'insediamento nel Salento è molto più fitto e frazionato in paesi e borgate; centro principale e capoluogo storico è Lecce, cittadine di una certa importanza sono Gallipoli e Otranto sulla costa, Manduria, Francavilla Fontana, Mesagne, Galatina, Copertino, Casarano, Maglie e Nardò nell'interno. L'economia vede la presenza di una fiorente agricoltura (viti, olivi, tabacco, mandorle e cereali) e, in campo industriale, di un importante distretto calzaturiero intorno a Casarano. Abbastanza sviluppate sono sul litorale le attività turistiche (Porto Cesareo, Gallipoli, Marina di Leuca, Santa Cesarea Terme, Otranto).