Questo sito contribuisce alla audience di

San Còno

comune in provincia di Catania (93 km), 525 m s.m., 6,56 km², 2961 ab. (sanconesi), patrono: san Cono (seconda e terza domenica di maggio).

Centro del settore meridionale dei monti Erei, posto alle falde del monte San Marco. Stazione preistorica, vi sono state scoperte alcune sepolture a forno e resti di capanne di un villaggio; dalla località ha preso nome una facies dell'Eneolitico iniziale siciliano (cui viene associato anche il nome dell'analoga stazione di Piano Notaro presso Gela), caratterizzata da una singolare produzione ceramica con vasi aventi decorazione incisa e bicromatica. Il borgo attuale venne fondato nel 1784 nel feudo di Grassulitano dal duca Ottaviano Trigonia della Floresta, che ne ottenne il titolo di marchese. § Rinomata è la produzione di fichi d'India, usati anche per la produzione del gelato artigianale e ai quali è dedicata una specifica sagra nel mese di ottobre; l'agricoltura produce anche carciofi, cereali, agrumi, olive e uva da vino; sono attive piccole imprese artigiane.