Questo sito contribuisce alla audience di

San Marcèllo Pistoiése

comune in provincia di Pistoia (29 m), 623 m s.m., 84,75 km², 7142 ab. (sammarcellini), patrono: san Marcello (16 gennaio).

Centro della montagna pistoiese, alla sinistra del torrente Lima. Nel 1191 fu concesso da Enrico VI in feudo al conte Guido Guerra. Libero comune, sconvolto dalle lotte di fazione acuitesi dopo la signoria di Castruccio Castracani (1323-1328), all'inizio del Quattrocento entrò definitivamente nell'orbita di Firenze.⿿ Da segnalare la pieve di San Marcello, del sec. XII e rifatta nel 1788, il barocco oratorio di San Marcello della fine del sec. XVII, e le parrocchiali di Gavinana (sec. XI) e di Lizzano, che conservano opere robbiane. ⿿ L'economia locale, caratterizzata dall'industria metallurgica e metalmeccanica, conta anche sull'artigianato del rame e del legno. Il settore agricolo (cereali, ortaggi e frutta) vede attivi anche l'allevamento dei bovini da latte e degli ovini e la silvicoltura. Ragguardevole il turismo estivo e invernale.

Media


Non sono presenti media correlati