San Nicolò Gerrèi

comune in provincia di Cagliari (54 km), 365 m s.m., 62,64 km², 977 ab. (paulesi), patrono: san Nicolò (terzo lunedì di maggio).

Centro del Gerrei, posto in una conca alle pendici del monte Ixi; è compreso nel Parco Geominerario della Sardegna. Sorse in un territorio in cui furono attive dal sec. VI a. C. miniere metallifere. L'antico Pauli Gerrei, toponimo di cui si è mantenuto il ricordo nel nome degli abitanti, nel Medioevo fu capoluogo della curatoria di Gerrei, compresa nel Giudicato di Cagliari, e con la spartizione a opera dei pisani (1258) passò ai Visconti di Gallura e poi al comune di Pisa. Nel Trecento, coinvolto nelle lotte fra Arborensi e Aragonesi, fu infeudato agli Zatrillas, che vi rimasero fino al 1814, quando passò ai Vivaldi Pasqua, che lo tennero fino al 1839, anno dell'abolizione dei vincoli feudali. § L'economia si basa in prevalenza sull'allevamento ovino, caprino e bovino, con notevole produzione lattiero-casearia. È buono il movimento turistico (villeggiatura estiva ed escursionismo).