Questo sito contribuisce alla audience di

Saura, Carlos Arares

regista cinematografico spagnolo (Huesca, Aragona, 1932).Profondamente legato alla cultura spagnola, ha iniziato la sua attività cinematografica negli anni Cinquanta, dirigendo commedie di ambientazione popolare. Critico nei confronti dei disastri di un sistema politico, morale e familiare repressivo, nato dal lontano dramma della guerra civile, col suo primo lungometraggioLos Golfos (1959; I piccoli delinquenti), documento sociale su un gruppo di ragazzi dei sobborghi madrileni, ha attirato l'attenzione della critica straniera e della censura in patria. Dopo l'insuccesso di Llanto por un bandido (1963; I cavalieri della vendetta), ambientato nell'Andalusia dell'Ottocento, entra a far parte della rosa dei registi europei più promettenti con La caza (1965; La caccia), metafora sulla società spagnola del dopoguerra, oppressa dal ricordo violento del passato. Espressione, inoltre, di una sua lucida e sarcastica critica della società sono Peppermint Frappé (1967; Frappé alla menta), Stress es tres, tres (1968; Stress è tre tre) e La madriguera (1969; La tana), interpretati dalla moglie Geraldine Chaplin. Importante nella delineazione del suo stile e della sua poetica è El jardin de las delicias (1969; Il giardino delle delizie), opera sceneggiata con R. Azcona.Dopo un lungo soggiorno in Francia, entra in contatto con il cinema europeo e produce: Ana y los lobos (1972; Anna e i lupi) e La prima Angelica (1973; La cugina Angelica), film ispirati all'avanguardia e alla sperimentazione. Seguono: Cría Cuervos (1975), premio speciale a Berlino; Elisa, vida mia (1976; Elisa vita mia) e Los ojos vendados (1978; Gli occhi bendati), quest'ultimo un'aperta denuncia della tortura. Con Bodas de sangre (1981; Nozze di sangue, da F. G. Lorca) e con Carmen, premiato a Cannes nel 1983, Saura è passato, con grande maestria e con la collaborazione essenziale di Antonio Gades, al "film come danza", seguito da altri notevoli film musicali: Los zancos (1984; I trampoli) ed El amor brujo (1986; L'amore stregone). Tra i lavori successivi ricordiamo: El Dorado (1988), Ay, Carmela! (1990), tragicommedia sulle disavventure di una scalcinata compagnia teatrale nella Spagna devastata dalla guerra civile, Despara (1993; Spara che ti passa), Flamenco (1995), cento minuti che raccolgono, in 19 episodi, l'essenza della filosofia del magico ballo andaluso, Taxi (1997) e Tango (1998), che affronta ancora il tema della danza come metafora della vita. Nel 2000 realizza Goya, film sull'ultimo anno della vita del pittore in cui, evitando l'analisi biografica del personaggio, in modo originale ripropone sullo schermo il mistero della pittura e della creazione artistica. Nel 2005 ha diretto Iberia e nel 2007 Fados.

Media


Non sono presenti media correlati