Questo sito contribuisce alla audience di

Savorgnàn di Brazzà, Piètro

esploratore (Castel Gandolfo 1852-Dakar 1905). Fratello di Giacomo, nel 1874 chiese la cittadinanza francese e nel 1875, su incarico del governo di Parigi, intraprese l'esplorazione del bacino dell'Ogooué, dell'Alima e del Licona. Avendo instaurato ottimi rapporti con gli indigeni, assicurò alla Francia il controllo di un vasto territorio, grazie ai trattati con i sovrani locali e alla fondazione di Franceville sull'Ogooué e di Brazzaville sul Congo. Nel 1883 fu nominato commissario generale dell'Africa occidentale, incarico che gli fu tolto in seguito a critiche in parte ingiuste e poi restituito. Incurante dei suoi problemi di salute tornò quindi in Africa dove morì.