Questo sito contribuisce alla audience di

Scala

comune in provincia di Salerno (28 km), 360 m s.m., 13,09 km², 1488 ab. (scalesi), patrono: san Lorenzo (9-10 agosto).

Centro della Costiera Amalfitana, posto in posizione panoramica sul fianco destro della valle del torrente Dragone. Di origine romana, ebbe il periodo di maggiore splendore quando fece parte della Repubblica di Amalfi. La rivalità con Ravello, i saccheggi dei pisani (1135 e 1137) e varie pestilenze ne determinarono la decadenza. Fu danneggiato dal terremoto del 1980.§ Il duomo di San Lorenzo (sec. XII, ma rifatto nel sec. XVII), con pavimento in maiolica e soffitto dipinto, conserva una mitra vescovile a smalti (sec. XIII-XIV) e, nella cripta, sculture lignee del sec. XIII. Le frazioni sono particolarmente interessanti sotto il profilo artistico: a Campidoglio si trovano la casa Esposito (sec. XIII), con elementi in stile arabo, e la chiesetta dell'Annunziata, a due navate, trasformata in età barocca; a Pontone è la chiesa di San Giovanni Battista, modificata in età rinascimentale e barocca; a Minuto sorge la chiesa dell'Annunziata (sec. XII, poi restaurata), con un portico a tre arcate ogivali e tre portali composti da materiale di spoglio; la lunetta del portale mediano ha un affresco quattrocentesco (Madonna col Bambino) e un'aquila marmorea; la cripta è decorata con affreschi del sec. XII; a Santa Caterina, l'omonima chiesetta ha un grazioso campanile cuspidato, con copertura in maiolica e, all'interno, colonne e capitelli di spoglio. § Il paesaggio è caratterizzato dalla presenza di viti, olivi, agrumi, noci, alberi da frutto e coltivazioni di ortaggi. Sono praticati l'allevamento bovino e le attività di sfruttamento dei boschi (castagne e legname). Rilevante è l'apporto del turismo estivo (suggestive le passeggiate verso Santa Caterina e Campidoglio e nel bosco di castagni secolari, che cresce ai margini del paese, meta di escursioni a cavallo).

Media


Non sono presenti media correlati