Questo sito contribuisce alla audience di

Schiller, Leon

(L. Jerzy de Schildenfeld Schiller). Regista e drammaturgo polacco (Cracovia 1887-Varsavia 1954). Figura centrale nella storia dello spettacolo polacco del Novecento, attivo sia a Varsavia (nei teatri Polski, Boguslawski ecc.) sia in altre città, spesso con responsabilità direttoriali. Subì le conseguenze delle vicende politiche del Paese e, sebbene orientato a sinistra fin dagli anni Venti del secolo scorso e propugnatore dell'antiestetismo e dell'utilitarismo, finì con l'essere messo in disparte dallo stesso regime comunista postbellico cui aveva aderito. La sua personalità era d'altronde quella di un uomo libero e di un artista complesso, che nel sostenere un teatro “combattente” e antiborghese si rifece all'esempio di E. G. Craig, nel senso di una monumentalità antirealistica, per poi approdare a un proprio “neorealismo” poetico e musicale, basato su un geniale impiego delle masse, del movimento, della luce. I suoi autori furono W. Shakespeare, i romantici polacchi (Gli avi di A. Mickiewicz), il molto ammirato S. Wyspiański e su di essi avrebbe voluto basare il tanto vagheggiato teatro nazionale polacco. Teatrante “tragico” di statura internazionale, diede prove smaglianti del suo talento anche nell'allestire vaudevilles, operette ecc.

Media


Non sono presenti media correlati