Questo sito contribuisce alla audience di

Schistosòma

genere (sinonimo Bilharzia) di PlatelmintiTrematodi della sottoclasse dei Digenei che comprende specie che vivono nel sangue umano, caratterizzate da un forte dimorfismo sessuale. Il maschio, infatti, è più breve e fortemente appiattito e vive unito quasi permanentemente alla femmina, allungata e cilindrica, che trattiene, avvolgendola, in un profondo solco detto canale ginecoforo. Schistosoma haematobium si rinviene in Africa e nel Vicino Oriente: le sue femmine si portano nei vasi sanguigni dell'apparato urinario dell'uomo emettendo le uova che, essendo munite di un aculeo terminale, forano le pareti dei vasi stessi, uscendo all'esterno con l'urina, fattasi sanguinolenta. Dalle uova nasce una larva (miracidio) che penetra in molluschi gasteropodi di acqua dolce, appartenenti solitamente al genere Bulinus. Ivi si trasforma in sporocisti e, successivamente, in cercarie, le quali penetrano attivamente nell'organismo umano attraverso la cute. Schistosoma mansoni, africano e americano, parassita invece i vasi sanguigni rettali dell'uomo, cosicché le sue uova fuoriescono nell'ambiente esterno con le feci. Assai simile alle due specie precedenti è Schistosoma japonicum, che si distingue per avere uova prive di aculeo.

Media

Schistosoma.