Questo sito contribuisce alla audience di

Sea Launch

sistema di lancio di vettori spaziali basato su una piattaforma galleggiante mobile, la piattaforma di lancio Odyssey. Il progetto, avviato nel 1995 dopo i primi studi iniziati nel 1993, appartiene a un consorzio formato dalla statunitense Boeing Commercial Space, la russa RSC-Energia, l'ucraina NPO-Yuzhnoye, oltre al gruppo navalmeccanico norvegese Kvaerner. La costruzione del centro spaziale galleggiante, che utilizza una vecchia piattaforma semisommergibile per prospezioni petrolifere da 31.000 t, larga 133 m e alta 70 m, trasformata a Stavanger, nel Mare del Nord, è stata realizzata dalla Kvaerner. L'hangar della società si trova a Home Port (Long Beach), in California. Scopo della joint venture è di mettere in orbita, in concorrenza con i vettori Ariane, satelliti commerciali per conto di committenti internazionali. I razzi utilizzati da sono costruiti dai due partner russo e ucraino e comprendono tre stadi: i primi due sono derivati dal vettore ucraino Zenit 3SL da 466 t, il terzo, denominato Block DM-SL, è realizzato da RSC-Energia. È alto 60 m e ha motori a propellente liquido (cherosene e ossigeno liquido). Può portare in orbita geostazionaria satelliti di peso fino a 5850 kg e fino a 15.000 kg in orbita bassa. La Boeing costruisce l'ogiva, di 4,2311 m, compatibile con i satelliti Hughes HS 601, 601 HP e 702 oltre che con quelli della Space System/Loral FS 1300. I mezzi a disposizione della base comprendono anche una nave appoggio chiamata Commander, ACS (34.000 t di stazza, 198 m di lunghezza, costruita a Glasgow nei cantieri di Govan, sempre del gruppo Kvaerner) che viene utilizzata come centro operativo per i lanci, per trasferire apparecchiature sulla piattaforma e per assemblare i razzi. A ogni viaggio dalla base californiana la nave può portare tre razzi Zenit e tre satelliti. La base di lancio opera nell'Oceano Pacifico a 1800 miglia a SW delle Hawaii, in acque internazionali e a E di Kiribati. La posizione è esattamente sull'Equatore, in quanto i lanci equatoriali sono i più efficienti per l'immissione in orbita. Il primo razzo è partito il 27 marzo 1999.

Media


Non sono presenti media correlati