Questo sito contribuisce alla audience di

Sellers, Peter

attore cinematografico britannico (Southsea 1925-Londra 1980). Fantasista e imitatore (anche in televisione), passò al cinema in parti brillanti o istrioniche, un po' sulla scia di A. Guinness con cui interpretò, quale caratterista fiancheggiatore, The Ladykillers (1955; La signora omicidi) di A. Mackendrick. Fattosi notare per doti trasformistiche in The Mouse that Roared (1959; Il ruggito del topo) di J. Arnold, dopo un incisivo e inquietante profilo nella parte di Quilty in Lolita (1962) di S. Kubrick, sostenne con grande virtuosismo, nel suo exploit-capolavoro, l'ufficiale inglese, il presidente degli Stati Uniti e lo scienziato nazista in Dr. Strangelove (1963; Il Dottor Stranamore, ovvero come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba), sempre di Kubrick. Molto attivo sia negli USA sia in Europa, creò esilaranti figure farsesche, nelle quali eccelse in The Pink Panther (1963; La pantera rosa) e A Shot in the Dark (1964; Uno sparo nel buio) di B. Edwards, What's New, Pussycat? (1965; Ciao Pussycat) di C. Donner, The Party (1968; Hollywood Party) ancora di Edwards, ma interpretò anche personaggi sottili psicologicamente, come in Being There (1979; Oltre il giardino) di H. Ashby. Per questa interpretazione, oltre che per Il dottor Stranamore, fu nominato all'Oscar, ma non riuscì mai ad aggiudicarsi la statuetta.

Media


Non sono presenti media correlati