Questo sito contribuisce alla audience di

Sender, Ramón José

narratore spagnolo (Chalamera, Huesca, 1902-San Diego, California, 1982). Letterato per vocazione, iniziò prestissimo la carriera di giornalista. La guerra del Marocco (1922-24), cui partecipò come soldato, gli ispirò più tardi il primo romanzo, Imán (1930). Avversario della dittatura di Primo de Rivera, prese parte alle attività di un gruppo anarchico, per cui fu imprigionato nel 1927: da questa esperienza trasse il libro Orden público (1931). Il suo secondo romanzo, in parte autobiografico, Siete domingos rojos (Sette domeniche rosse) è del 1932. Un successivo soggiorno in Russia gli ispirò il reportage Madrid-Moscú (1934). Dopo la guerra civile, che lo vide combattente tra le file repubblicane, emigrò nel Messico (1939-42) e quindi negli Stati Uniti, dove insegnò per vari decenni e compose quasi tutta la sua opera narrativa. I numerosi romanzi pubblicati nell'esilio gli diedero uno dei primissimi posti fra i narratori contemporanei di lingua spagnola. Importanza capitale, anche dal punto di vista autobiografico, ha la trilogia Crónica del alba (1942). Fra i molti libri successivi hanno particolare rilievo i romanzi Epitalamio del prieto Trinidad (1942), El rey y la reina (1949), Réquiem por un campesino español (1953-60), Los cinco libros de Ariadna (1957), Los laureles de Anselmo (1958), La luna de los perros (1962), la trilogia Nancy (1962-72-74), Carolus Rex (1963), El bandido adolescente (1965), Tres novelas teresianas (1967), Las criaturas saturnianas (1967), Nocturno de los 14 (1969), En la vida de Ignacio Morel (1969), Tánit (1970), La antesala (1971), El fugitivo (1972), Tupác Amaru (1973), El extraño caso del señor Photynos (1973). Scrisse inoltre varie opere teatrali (Comedia del diantre, 1969) e diverse raccolte di novelle, articoli e saggi (Ensayos del otro mundo, 1970). Nella seconda metà degli anni Settanta, lo scrittore poté pubblicare in Spagna numerose narrazioni giovanili (Imán, Siete domingos rojos), o inedite nel suo Paese durante gli anni della dittatura, nonché opere nuove, tra cui Arlene y la gaya ciencia (1975), El pez de oro (1976), El lugar de un hombre (1976), El Mechudo y la Llorona (1977), El alarido de Yaurí (1977).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti