Questo sito contribuisce alla audience di

Servadìo, Emìlio

psicanalista italiano (Genova 1904 - Roma 1995). Tra i primi divulgatori della psicanalisi in Italia, dal 1964 al 1969 è stato presidente della Società Psicanalitica Italiana, della quale è divenuto presidente onorario nel 1982. Nel 1992 ha lasciato tale carica e ha fondato l'Associazione italiana di psicanalisi. Si è occupato anche di studi parapsicologici ed è stato fra i fondatori della Società Italiana di Parapsicologia (1937). È stato membro effettivo di varie società scientifiche e culturali italiane e straniere. Fra le sue opere: La ricerca psichica (1930), La psicoanalisi (1953), Rôle des conflits pré-œdipiens (1953), Il sogno (1955), La psicologia dell'attualità (1961), Passi sulla via iniziatica (1977), Sesso e psiche (1978). Oltre alla sua attività in campo psicanalitico e parapsicologico, ha coltivato anche la poesia e la novellistica.