Questo sito contribuisce alla audience di

Sheraton, Thomas

disegnatore di mobili inglese (Stockton-on-Tees, Durham, 1751-Londra 1806). Intorno al 1790 si trasferì a Londra, dove iniziò l'attività di disegnatore dedicandosi esclusivamente alla creazione di modelli per mobili e ornamenti. Benché si definisse ebanista, non esistono mobili di sua mano e la sua fama si basa soprattutto sui suoi libri di disegni. Alla formazione del suo gusto contribuirono i contatti con l'architetto H. Holland, che aveva progettato i lavori di ricostruzione e di arredamento di Carlton House secondo un orientamento stilistico sensibile al gusto francese di Luigi XVI. Le creazioni di Sheraton, concretamente realizzate da altri ebanisti, sfuggono all'individuazione di questa componente francese per l'imporsi di forme lineari, semplici ma di raffinata eleganza, sottolineata dalla delicatezza degli elementi ornamentali, affidati alle tecniche dell'intaglio, dell'intarsio, della doratura o della pittura. Negli scrittoi, nei tavoli (tavolo Pembroke, tavolo Carlton House) e nelle sedie, Sheraton propose le sue forme più originali e armoniose. Si dedicò inoltre all'elaborazione di mobili adattabili a vari usi mediante congegni meccanici. Attraverso i suoi libri di disegni (The Cabinet-Maker and Upholsterer's Drawing Book, 1791-94; Libro di disegni per ebanisti e tappezzieri; Cabinet Dictionary, 1803; Dizionario di ebanisteria), S. diffuse lo stile che da lui prende nome e che segnò, tra il 1792 e il 1805, un momento importante nella storia del mobile inglese.

Bibliografia

Y. Brunhammer, U. Tolomei, Il mobile in Europa dal XVI al XIX secolo, Novara, 1966; J. Browne-Kenworthy, Il mobile inglese, Novara, 1967; C. Vandan, Lo stile inglese, Milano, 1970; W. J. Morgan, The Forniture Designs of Sheraton, Londra, 1981.

Media


Non sono presenti media correlati