Questo sito contribuisce alla audience di

Shimabara

città (46.100 ab.) del Giappone, nell'isola di Kyūshū e nella prefettura di Nagasaki, 45 km a E del capoluogo, attivo porto sulla baia omonima. Tra il 1637 e il 1638 fu teatro di una violenta repressione condotta dal governo shogunale nei confronti di alcune migliaia di ribelli tra i quali numerosi convertiti al cristianesimo. I ribelli resistettero a lungo alle preponderanti forze governative e solo nella primavera del 1638 furono sopraffatti. La carneficina stroncò definitivamente il movimento cristiano che da tempo il governo shogunale perseguitava nell'ambito della sua politica di isolamento dal mondo esterno.

Media


Non sono presenti media correlati