Questo sito contribuisce alla audience di

Silva, António José da-

autore teatrale portoghese (Rio de Janeiro 1705-Lisbona 1739). Uno dei maggiori scrittori del suo tempo, detto “o Judeu” perché appartenente a famiglia ebraica, fu perseguitato tutta la vita dall'Inquisizione. Nel 1733 fece rappresentare la sua prima commedia, un adattamento teatrale del Don Chisciotte di M. de Cervantes, dove già appaiono le sue caratteristiche: linguaggio parlato e antiretorico, successione di brevi quadri, senso del ritmo e della satira. Nel 1737 furono rappresentate As guerras do Alecrim e da Mangerona, dove sui modelli di Plauto e della Commedia dell'Arte si scatena un'arte farsesca di inusitate dimensioni caricaturali, ferendo sul vivo i costumi della società di Lisbona. Arrestato dall'Inquisizione, passò due anni nelle prigioni e infine fu decapitato e bruciato. Tra le altre sue commedie, notevoli gli adattamenti comici di antichi temi mitologici come Medea, Fetonte, Anfitrione. Oggi l'infelice Judeu appare uno dei protagonisti della contestazione realistica contro l'accademismo e l'Arcadia.

Media


Non sono presenti media correlati