Questo sito contribuisce alla audience di

Sintra

città nel distretto di Lisbona (Portogallo). Situata alle falde settentrionali della serra omonima (528 m), è frequentata stazione turistica. Nel 1995 la città è stata inclusa, con la serra che la circonda, nel Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Già Cintra. § Di origine romana, cadde in mano degli Arabi nel sec. VIII. Riconquistata nel sec. XII da Alfonso I Henriquez, fece parte del regno del Portogallo. Nel 1808 il generale napoleonico Junot si accordò con gli inglesi di A. W. Wellington per evacuare le proprie truppe dal Portogallo in cambio della sospensione delle ostilità (capitolazione di Sintra). Alla fine dell'Ottocento, in seguito alla costruzione della ferrovia che la collegava a Lisbona, divenne una rinomata meta turistica. § Il Castelo dos Moros, di cui rimangono le fortificazioni e alcune torri, fu edificato dagli Arabi ed è uno dei più notevoli esempi di architettura militare islamica in Europa. Il Palácio Nacional o Paço Real (Palazzo Reale), la residenza estiva della dinastia d'Aviz, fu costruito in stile ibrido tra il 1385 e il 1433, con elementi gotici misti ad altri manuelini e arabeggianti; tra gli ambienti che lo compongono, la sala araba e la sala delle Sirene sono decorate con splendidi azulejos, mentre la sala dei Blasoni e quella dei Cigni possiedono raffinati soffitti lignei. L'ottocentesco Palácio Nacional da Pena fu progettato da L. von Eschwege in stile neomedievale, con reminiscenze manueline e barocche. Circondata da un parco, la Quinta di Monserrate è un palazzo disegnato da James Knowles Jr. e costruito nel 1858 in stile orientaleggiante con una grande torre circolare, una serie di cupole e decorazioni di ispirazione esotica. Opera dell'architetto-scenografo italiano L. Manini è la Quinta de Regaleira, una dimora che unisce il gusto gotico al manuelino e al rinascimentale; nel giardino è situato un pozzo di nove piani, singolare e suggestiva ricostruzione della discesa agli inferi dantesca. Gli edifici religiosi più significativi sono le chiese di S. Maria (sec. XII-XIV), di S. Pietro di Penaferrim (sec. XV-XVI) e di S. Martino (sec. XVIII). Le collezioni del Museo di Arte Moderna sono costituite da opere di artisti europei e americani dal 1950 in poi (A. Warhol, T. Wesselmann, G. Richter, F. Bacon). Il Museo Regionale, che occupa tre piani del vecchio hotel Costa, possiede collezioni di archeologia, etnologia, arte religiosa e pittura. § Affermato centro turistico, la città trae le sue risorse anche dalla viticoltura, dall'industria alimentare ed estrattiva (marmo) e dall'artigianato

Media


Non sono presenti media correlati