Questo sito contribuisce alla audience di

Siróni, Màrio

pittore italiano (Sassari 1885-Milano 1961). Studiò al Politecnico e all'Accademia di Roma, dove attorno al 1905 iniziò la sua attività pittorica. I rapporti con G. Balla e l'incontro con U. Boccioni e G. Severini portarono l'artista, dopo il 1912, ad aderire al futurismo, di cui Sironi diede una personale interpretazione, distinguendosi per una concezione volumetrica più solida e il valore fortemente espressivo del colore, evidenti nei suoi inconfondibili “paesaggi urbani” percorsi da camion, tram, operai in bicicletta (Il camion, 1914, Milano, collezione privata). Successivamente Sironi diede suggestive interpretazioni della visione metafisica, con una pittura a densi impasti di colore e di forti contrasti di ombre e di luci (Il cavallo bianco, Milano, collezione privata). Stabilitosi a Milano definitivamente, svolse attività di critico e di illustratore per il Popolo d'Italia e la Rivista Illustrata del Popolo d'Italia. Sironi fu tra i fondatori, nel 1922, del gruppo dei Sette Pittori Moderni, divenendo poi il maggiore esponente del Novecento e quindi della cultura ufficiale del fascismo (Paesaggio urbano, 1924, Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna). Ma il senso del monumentale era tra le qualità naturali della pittura dell'artista, così come l'impostazione plastica della forma e il vigoroso rilievo della materia, quali si ritrovano anche nei successivi sviluppi in chiave espressionista. Attento alle problematiche del suo tempo, Sironi si interessò dall'inizio degli anni Trenta alla grafica, alla scultura, al mosaico, all'affresco, in una ricerca di integrazione con l'architettura dei numerosi mezzi espressivi dell'arte figurativa, ricerca che l'artista condusse attraverso esperienze diverse maturate nell'ambito della Triennale milanese. Nel dopoguerra la sua pittura si fece più raccolta e meditata, il monumentale e il grandioso si trasformarono in frammenti, in reperti archeologici che l'artista mostrò di rielaborare con estrema cura in composizioni dove le esperienze del passato venivano rivissute attraverso l'accostamento di varie immagini isolate eppure intimamente legate in un loro ideale contesto.

Bibliografia

M. Valsecchi, Sironi, Roma, 1962; G. Traversi, Mario Sironi. Disegni, illustrazioni, scenografie e opera grafica, Milano, 1968; C. Cagli, A. Gatto, Mario Sironi, Milano, 1969; R. Bossaglia, Sironi e il Novecento, Firenze, 1991.

Media

Mario Sironi.