Questo sito contribuisce alla audience di

Sisto IV

(al secolo Francesco Della Rovere). Papa (Celle Ligure 1414-Roma 1484). Di umile famiglia, entrò nell'ordine francescano, di cui divenne generale; succedette a Paolo II nel 1471. Assai colto, amante delle arti e mecenate, abbellì Roma e in particolare il Vaticano, dove costruì la Cappella Sistina e diede grande impulso alla Biblioteca Vaticana; abile politico, non alieno dagli intrighi e dalle congiure, conferì al suo pontificato un carattere molto più mondano che spirituale e si abbandonò al nepotismo. Tra i numerosi parenti emersero Giuliano Della Rovere, creato cardinale, Giovanni Della Rovere, a cui affidò la signoria di Urbino, e Gerolamo Riario, per il quale ottenne Imola e Forlì. Pare che per lui favorisse la congiura dei Pazzi contro i Medici (1478). Le mire ambiziose per lo Stato pontificio e in particolare per Gerolamo lo spinsero a provocare guerre che coinvolsero gran parte dell'Italia e talvolta anche Stati transalpini. Così fu per quella contro Firenze (1478-80) dopo il fallimento della congiura; così per la questione di Pesaro, che languì in seguito allo sbarco dei Turchi a Otranto (1480-81) e al suo tentativo, tardo e vano, di bandire una crociata contro di loro; e specialmente per la guerra contro Ferrara (1482-84), iniziata come alleato di Venezia, col progetto di spartire tra essa e il nipote il dominio estense, e finita in campo avverso, senza successo.

Bibliografia

O. Halecki, Sixte IV et la Chrétienté orientale, vol. II, Città del Vaticano, 1964; L. von Ranke, Il Papato. Da Sisto IV a Pio IX, Milano, 1966; C. Falconi, Storia dei papi e del Papato, vol. IV, Roma-Milano, 1972; F. Benzi, Sisto IV renovator urbis, Roma, 1990.

Media

Sisto IV