Questo sito contribuisce alla audience di

Smolensk (città)

Guarda l'indice

capoluogo della provincia omonima (Russia), 177 m s.m., 317.900 ab. (stima 2006).

Generalità

Sorta in epoca medievale sul fiume Dnepr, la città è una delle più antiche di tutta la Russia, e conserva, nonostante sia stata distrutta più volte nel corso della sua lunga storia, un nucleo centrale di pregevole interesse artistico. I quartieri residenziali della città sono dominati dall'alta mole bianca della cattedrale barocca, in cui veniva custodita l'icona di Nostra Signora di Smolensk (risalente all'XI secolo), che andò irrimediabilmente perduta nel corso della seconda guerra mondiale.

Storia

La città ebbe grande importanza sin dal Medioevo, quando la sua posizione sull'alto corso del Dnepr, a breve distanza dalla Dvina Occidentale, ne faceva un punto di passaggio obbligato per gli uomini e le merci avviate dal Mar Baltico al Mar Nero e viceversa. Nei sec. XII e XIII la città, capitale di un principato indipendente, aveva anche un notevole peso politico. La conquista lituana (1395-1514), il passaggio alla Russia (1514-1618), il ritorno alla Polonia, erede della Lituania (1618-54), e la rioccupazione russa (1654) influirono sul suo destino politico, non su quello commerciale. Smolensk diede il nome a una battaglia vinta da Napoleone (16 agosto 1812) sul principe Bagration. La città fu distrutta quasi completamente in una battaglia contro i tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Le truppe naziste occuparono la città dal 1941 al 1943 e la strenua resistenza degli abitanti portò alla città il titolo di “città-eroe”.

Arte

Sorta nel sec. IX, è una delle più antiche città russe e conserva alcune chiese del sec. XII: SS. Pietro e Paolo (1146), S. Giovanni Teologo (1173-76), S. Michele Arcangelo (1191-94). Cinta nel sec. XVI da poderose mura con torri (ne sussistono sedici), la città fu arricchita nel secolo successivo di varie chiese di stile moscovita, fra cui la cattedrale della Dormizione (1677-79) e la chiesa del monastero dell'Ascensione, a due piani (1694-98). Al 1775 risale la barocca cattedrale della Trasfigurazione. Devastata nel 1812 e nuovamente durante la II guerra mondiale, Smolensk è stata ricostruita sulla base di un piano che ha aggiunto al vecchio centro moderni quartieri residenziali.

Economia

Importante nodo stradale e ferroviario e attivo porto fluviale, è sede di industrie alimentari, eletttroniche e tessili.

Media


Non sono presenti media correlati