Questo sito contribuisce alla audience di

Smollett, Tobias George

scrittore inglese (Dalquhurn, Dumbartonshire, 1721-Antignano, Livorno, 1771). Di origine scozzese e sempre, pur con tutti i suoi vagabondaggi, tenacemente e polemicamente attaccato alla sua terra, fu uno dei maggiori prosatori del Settecento e tra i creatori del romanzomarinaresco. Dopo aver studiato medicina all'Università di Glasgow e aver fatto per qualche tempo l'assistente chirurgo in quella città, s'imbarcò come medico di bordo su una nave da guerra diretta alle Indie Occidentali per la spedizione contro Cartagena (1741). Si stabilì quindi per alcuni anni nella Giamaica, dove si sposò con una creola, e nel 1744 ritornò a Londra. Il suo primo romanzo, The Adventures of Roderick Random, picaresca storia di avventure basata in larga parte su esperienze autobiografiche, apparve nel 1748, per essere seguito, tre anni più tardi, da The Adventures of Peregrine Pickle, che confermava, specie nella figura diventata famosa del commodoro Hawser Trunnion, la felicità della sua vena vivacemente e robustamente realistica e incline ai toni comici e grotteschi. Elementi ironici e satirici sono insistentemente presenti nel terzo romanzo, The Adventures of Ferdinand Count Fathom (1753), più solido e pregevole dei primi due dal punto di vista dell'intreccio. A partire dal 1756 e per circa una decina d'anni Smollett fu quindi impegnato nella compilazione e supervisione di opere di carattere storico e geografico e di resoconti di viaggi, tra cui quel Travels through France and Italy (1766; Viaggi attraverso la Francia e l'Italia) il cui spirito puntiglioso e bisbetico L. Sterne riprese e satireggiò nel personaggio di “Smellfungus” nel suo A Sentimental Journey. Si dedicò inoltre a lavori di traduzione (tra questi il Don Chisciotte di Cervantes, di cui è pallida imitazione il romanzo The Adventures of Sir Launcelot Greaves, del 1762) e a un'intensa attività giornalistica (fu direttore di varie riviste: The Critical Review, 1756; Brixton, 1762-63; The British Magazine, 1766). Nel 1769, mentre usciva The Adventures of an Atom (Le avventure di un atomo), feroce satira della vita politica inglese, Smollett si trasferì in Italia, dove si stabilì prima a Pisa e poi nei pressi di Livorno. La sua ultima opera – il romanzo epistolare The Expedition of Humphrey Clinker (1771), unanimemente considerato il capolavoro dello scrittore per il raro equilibrio tra realismo e umorismo – apparve l'anno stesso della sua morte. Anche se meno importante, nell'ambito dello sviluppo del romanzo, dei suoi immediati predecessori S. Richardson e H. Fielding, di cui non possedeva né la penetrazione psicologica né la carica di interessi umani e sociali, Smollett rimane uno degli scrittori più significativi della sua epoca. Le sue opere, per molti aspetti fermamente radicate nella tradizione picaresca (A.-R. Lesage, che tradusse, fu suo maestro riconosciuto), preludono già, per certi altri, alla voga del romanzo gotico della seconda metà del sec. XVIII. Pur presentando manchevolezze formali e strutturali piuttosto evidenti, i suoi lavori furono estremamente popolari ai suoi tempi, rimanendo ancora attuali per il vigore della prosa, il piglio robustamente realistico e satirico della narrazione e la vivacità indimenticabile dei personaggi più riusciti.

Bibliografia

D. Bruce, Radical Dr. Smollett, Boston, 1964; R. Giddings, The Tradition of Smollett, Londra, 1967; A. Cozza, T. Smollett, Bari, 1970; G. Snell, Tobias George Smollett and His Works, Los Angeles, 1986.

Media


Non sono presenti media correlati