Questo sito contribuisce alla audience di

Solothurn (cantone)

cantone della Svizzera nordoccidentale, 791 km², 247.937 ab. (stima 2006), 313 ab./km², capitale: Solothurn. Confini: cantoni di Basilea Campagna (N), Argovia (E), Berna (S), Giura (W).

Si estende nella parte settentrionale del Paese, su un territorio interessato dal rilievo del Giura a N (Weissenstein, 1447 m; Passwang, 1204 m) e pianeggiante a S, dove è attraversato dall'Aare e dai suoi affluenti Emme e Dünnern. Un'enclave del cantone di Berna divide in tre parti il territorio del cantone. La popolazione è di lingua tedesca e per il 50% circa di religione cattolica, mentre un terzo professa la religione protestante. Le principali attività economiche sono l'agricoltura (vite, frutta), l'allevamento, ma soprattutto l'industria (metallurgica, meccanica, tessile, alimentare, della carta, della pelle, dell'orologeria a Grenchen e Solothurn). Sul territorio, la centrale nucleare di Gösgen, attiva dal 1979. La città di Olten è un importante nodo ferroviario.Tra il 1798 e il 1803 il cantone fece parte della Repubblica Elvetica, per poi essere ricostituito da Napoleone con l'Atto di Mediazione del 1803. Anche se tradizionalmente cattolico, il cantone non prese parte alle azioni del movimento separatista cattolico del Sonderbund e approvò le costituzioni federali del 1848 e 1874. L'attuale costituzione cantonale risale al 1887, anche se fu revisionata ampiamente nel 1895. In italiano, Soletta