Questo sito contribuisce alla audience di

Spee, Maximilian von-

ammiraglio tedesco (Copenaghen 1861-isole Falkland 1914). Entrato in marina nel 1878 fece una rapida carriera e nel 1912 ebbe il comando della squadra dell'Estremo Oriente di stanza a Ching-tao (Cina). Scoppiata la prima guerra mondiale, divise le proprie forze e, dato mandato all'incrociatore Emden di effettuare la guerra di corsa, con il resto della flotta (2 incrociatori corazzati e 3 leggeri) si diresse verso il Pacifico meridionale. Obiettivo: le colonie alleate e le navi da carico. Il sanguinoso bombardamento di Tahiti (settembre 1914) richiamò l'attenzione dell'Ammiragliato britannico che ordinò la caccia sistematica alla flotta di Spee. Il primo incontro fu disastroso per le armi britanniche; al largo di Coronel (Cile) la flotta dell'ammiraglio C. Cradock fu distrutta: 2 incrociatori corazzati affondati, nessun superstite. Spee si diresse poi verso l'Atlantico, doppiando il capo Horn. Ma mentre si dirigeva verso le Falkland con l'intenzione di distruggerne la potente stazione radio, fu intercettato (8 dicembre 1914) da un'altra flotta inglese, agli ordini dell'ammiraglio F. Sturdee. Lo scontro fu durissimo, i tedeschi si difesero con grande determinazione ma dovettero alla fine soccombere: tutte le navi tedesche furono affondate a eccezione di un incrociatore leggero. Spee affondò, unitamente ai suoi due figli, con la nave ammiraglia.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti