Questo sito contribuisce alla audience di

Stürmer, Boris Vladimirovič

uomo politico russo (1848-Pietrogrado 1917). Già governatore di province e funzionario ministeriale, fu chiamato da Nicola II, cui era stato segnalato da G. E. Rasputin, alla presidenza del Consiglio (febbraio 1916); tenne anche il portafoglio degli Interni e degli Esteri. Appoggiato dalla zarina, inetto e intrigante, fu il bersaglio d'accuse violente da parte del liberale P. N. Miljukov (novembre 1916) e venne congedato, anche per la sua origine tedesca, dallo zar.