Questo sito contribuisce alla audience di

Stenella

Guarda l'indice

Zoologia

Genere (sinonimo Prodelphinus) di Cetacei Odontoceti della famiglia dei Delfinidi, comprendente una decina di specie delle acque calde di tutto il mondo. Lunghi da 1,20 a 3 m, questi Cetacei sono di colore generalmente grigio-brunastro o marrone, più chiari inferiormente, talora con maculazioni biancastre (per esempio, Stenella frontalis o delfino macchiato o delfino delle briglie) o con strisce longitudinali bianche e azzurre sui fianchi. Ittiofagi, hanno 150-200 denti. Specie assai nota, presente anche nel Mediterraneo è la stenella striata (Stenella caeruleoalba), detta anche delfino striato o delfino eufrosine o delfino dalle briglie, con distinta striscia nero-bluastra sui fianchi. Altra specie relativamente ben conosciuta è la stenella rostrata (Stenella longirostris), delle regioni tropicali e subtropicali.

Etologia

Le stenelle, come altri Delfinidi, sono animali sociali nei quali la ricerca di compagnia è una caratteristica costantemente presente durante tutta la vita. Durante il giorno la stenella rostrata, in gruppi di circa 20 individui, riposa presso la costa e si porta al largo nelle ore notturne, durante le quali i gruppi si fondono progressivamente con altri fino a formare branchi di alcune centinaia di individui che si alimentano insieme. Il passaggio da un'attività all'altra è segnato da un aumento della velocità nel nuoto e dall'esecuzione di manovre acrobatiche eseguite senza direzione prestabilita, che pare stimolino i vari membri dei gruppi minori a coordinare i propri spostamenti. La stenella striata, nel Mediterraneo, è in genere avvistata in branchi di pochi individui, di solito una decina e non più di cinquanta, ma talvolta anche in singole coppie o individui isolati. Almeno nella stenella rostrata, la composizione dei gruppi, specie i più grandi, varia di giorno in giorno, mentre nei gruppi più piccoli alcune coppie sembrano notevolmente stabili; inoltre sembra probabile che almeno alcuni gruppi siano costituiti da animali della stessa età e talvolta dello stesso sesso, ma si sa poco delle interazioni sessuali in natura. Le stenelle sembrano attratte dalle navi, alle quali spesso si avvicinano, dalle cui onde di prua o di poppa si fanno spingere, spesso senza compiere alcun movimento di nuoto, e presso le quali si esibiscono in una varietà di salti fuori dall'acqua; durante il salto il corpo può mantenere la posizione normale o può ruotare di un quarto o di mezzo giro, reimmergendosi di fianco o di schiena, con la testa in avanti, oppure la stenella può emergere obliquamente verso l'alto e ricadere in acqua nella stessa posizione; un altro comportamento caratteristico consiste in una sorta di “schiaffo” dato con la testa o la coda sulla superficie dell'acqua e la cui funzione viene interpretata come una esibizione di dominanza sociale. I balzi fuori dall'acqua si alternano a periodi di nuoto, che le stenelle effettuano, come gli altri Delfinidi, alternando periodi di immersione di parecchi secondi a brevissimi periodi di parziale emersione in cui vengono compiuti uno o più atti respiratori. Le immersioni vengono effettuate in espirazione, cioè a polmoni vuoti e la resistenza all'immersione è basata più su riserve di ossigeno muscolari che polmonari.

Media


Non sono presenti media correlati