Questo sito contribuisce alla audience di

Streppóni, Giuseppìna

soprano italiana (Lodi 1815-Sant'Agata di Busseto, Parma, 1897). Studiò con il padre Feliciano (Lodi 1797-Trieste 1832), compositore, e al Conservatorio di Milano (1830-34). Dopo l'esordio (1834) ad Adria nell'Elisir d'amore di G. Donizetti, cantò con successo a Vienna (1835), a Roma (primadonna al teatro Argentina dal 1838), alla Scala, dove conobbe G. Verdi e fu interprete di due delle sue prime opere: Oberto, conte di San Bonifacio (1839) e Nabucco (1842). Nel 1846 si ritirò dalle scene, provata da una troppo intensa attività e da dolorose esperienze umane e sentimentali, e divenne insegnante di canto a Parigi. Si approfondiva intanto l'affettuosa amicizia con Verdi, di cui divenne moglie nel 1859.