Questo sito contribuisce alla audience di

Sustermans, Joost

(anche Susterman e Suttermans). Pittore fiammingo (Anversa 1597-Firenze 1681). Allievo ad Anversa di Willem de Vos, dal 1616 studiò a Parigi presso Frans Pourbus il Giovane; nel 1620 si stabilì a Firenze, dove il granduca Cosimo II lo nominò ritrattista di corte, e alternò tale attività a soggiorni in numerose corti europee e italiane. Mentre i primi ritratti risentono di certe durezze alla Pourbus, in un secondo tempo Sustermans si rifece al tipo del ritratto aulico stabilito da P. Rubens e da A. van Dyck (presente a Firenze nel 1624), producendo opere di livello dignitoso, particolarmente attente agli attributi della pompa. Fra le sue opere migliori si ricordano Il principe Mattias de' Medici (Firenze, Galleria Palatina), e Vittoria della Rovere (Roma, Galleria Nazionale d'Arte Antica).