Questo sito contribuisce alla audience di

Sweelinck, Jan Pieterszoon

compositore e organista fiammingo d'origine tedesca (Deventer, Overijssel, 1562-Amsterdam 1621). Membro di una famiglia di musicisti, studiò con il padre Peter (forse Deventer ?-Amsterdam 1573), organista e organaro, e con il tenorista J. Willemszoon Lossy. Dal 1580 alla morte fu (come il padre) organista nella Oude Kerk di Amsterdam. Celebre esecutore, svolse un'opera didattica determinante per lo sviluppo dell'arte organistica in Germania. Suoi allievi furono P. Siefert, J. Praetorius junior e S. Scheidt. Ultimo grande esponente della scuola fiamminga, lasciò un'importante produzione per organo e per cembalo (corali, fantasie, toccate, variazioni su Lieder profani ecc.), nella quale, partendo dalla tradizione italiana, pose le basi della variazione sistematica e presentì la fuga, creando quello stile “nordico” che ebbe poi in D. Buxtehude il massimo rappresentante. Lasciò anche notevoli composizioni vocali (salmi, chansons, epitalami ecc.) che si riallacciano alla tradizione fiamminga.