Questo sito contribuisce alla audience di

Szabó, István

regista cinematografico ungherese (Budapest 1938). Premiatissimo alfiere del giovane cinema uscito dallo studio B. Balázs, esordì coi cortometraggiConcerto (1961), Variazioni su un tema (1961) e Tu (1963), prima di affermare una personalità lirica matura, sviluppando gli stessi temi nei film L'età delle illusioni (1964), Il padre (1966), uno dei più importanti del nuovo cinema magiaro, e Film d'amore (1970). Tornato al cortometraggio con Sogno di una casa (1972), lo allargò poi a 25, via dei Pompieri (1973), dipingendo con maestria un quadro vario e drammatico del caseggiato della sua infanzia in un quartiere di Budapest. La stessa fusione non gli riuscì nel ridondante Racconti di Budapest (1977), cui seguì La fiducia (1979, Orso d'argento a Berlino), incontro d'amore nella Budapest del 1944 occupata dai nazisti. Accantonati i riferimenti autobiografici, in Mephisto (1981) si rivolse quindi con sorprendenti risultati – vincendo tra l'altro il premio Oscar e rivelando l'attore austriaco K. M. Brandauer – alla parabola artistico-politica dell'attore tedesco G. Gründgens; del 1985 è l'eccellente biografia Il colonnello Redl. Capitolo conclusivo della trilogia storica su potere, arte e decadenza è Hanussen (1988). Felice la riuscita di Tentazione di Venere (1991), commedia drammatica ambientata nel mondo del teatro d'opera e Dolce Emma, cara Böbe, premiato a Berlino nel 1992. Dopo una lunga pausa, Szabó ha girato l'ottimo A torto a ragione (2002), ambientato all'epoca della seconda guerra mondiale.Nel 2004 ha diretto Being Julia, tratto da un romanzo di Somerset W. Maugham.