Questo sito contribuisce alla audience di

Tèmpi modèrni

(Modern Times). Film statunitense (1936) di Charlie Chaplin. Il salto di Charlot da vagabondo a operaio porta il suo autore ad aguzzare gli strali della satira in funzione sociale. Dalla catena di montaggio alla macchina per mangiare, dalla televisione-spia con cui il padrone sorveglia la fabbrica alla bandierina rossa raccolta per strada che fa del disoccupato un pericoloso agitatore, la potente rappresentazione comica della civiltà industriale uscita dalla grande crisi addirittura anticipa alcuni motivi del neocapitalismo, del consumismo e perfino del maccartismo. Rispetto ai capolavori del muto, questo film sonoro ma non ancora parlato, in cui l'attore cantava una canzoncina in una lingua sconosciuta, fu il momento-chiave della trasformazione di Chaplin in poeta civile e rimane tra le sue opere più grandi.

Media


Non sono presenti media correlati