Questo sito contribuisce alla audience di

Takemoto, Gidayū

declamatore giapponese del joruri (1651-1714). Nel 1684 aprì a Ōsaka il Takemoto-za, che divenne la più fiorente impresa teatrale dell'epoca grazie alla collaborazione del drammaturgo Monzaemon Chikamatsu. Questo fortunato binomio, unitamente al nuovo stile di declamazione (gidayūbushi) e all'invenzione di tecniche sempre più avanzate nella costruzione dei pupi, procurò a Takemoto e al suo teatro una tale notorietà che il termine gidayū divenne sinonimo di jōruri.

Media


Non sono presenti media correlati