Questo sito contribuisce alla audience di

Tasmània

stato federato (67.800 km²; 471.900 ab. secondo una stima del 1998; capitale Hobart) dell'Australia, il minore del Paese per superficie e popolazione. È costituito dall'isola omonima situata poco a SE dell'Australia, da cui è separata tramite lo Stretto di Bass, e da alcune isole minori, fra cui la King Island e il gruppo delle Furneaux. L'isola, che si distaccò dalla massa continentale alla fine dell'era glaciale, ha forma vagamente triangolare, con coste assai frastagliate, spesso fronteggiate da isole minori. L'interno è costituito da un vasto altopiano, elevato in media 1200-1500 m, che racchiude il bacino del fiume Derwent e declina verso SE con una serie di ripidi gradini: la cima principale è il monte Ossa (1617 m). Al vertice nordorientale, isolato dalla piatta vallata del fiume Tamar, sorge un altro esteso altopiano culminante a 1573 m nel Legges Tor. Numerosi sono i laghi di origine glaciale, di cui il più vasto è il Great Lake. Il clima è temperato: le precipitazioni sono abbondanti e variano da zona a zona; in media si registrano 1000-1500 mm annui lungo le coste e oltre 2500 mm sui rilievi. L'isola è in gran parte (46%) ricoperta da foreste da cui si ricavano legname e pasta di legno. Poco meno dei due quinti del territorio sono adibiti all'agricoltura (cereali, patate, frutta, foraggi); fiorente è l'allevamento del bestiame, i cui prodotti (lana, latticini, carne) vengono largamente esportati. Altre risorse economiche sono la pesca, lo sfruttamento del sottosuolo (zolfo, stagno, tungsteno, rame, ferro, zinco, piombo, oro, argento), il turismo e l'industria (metallurgica, alimentare, meccanica, del cemento, della carta e del legno). Città importanti, oltre alla capitale, sono Launceston, Burnie-Somerset e Devonport. L'isola fu scoperta il 24 novembre 1642 da A. J. Tasman che la chiamò Terra di Van Diemen, nome che conservò fino al 1853. Aderì alla federazione australiana nel 1901.

Bibliografia

G. Greenwood, Australia, a Political and Social History, Sydney, 1960; N. S. Noble, The Australian Environment, Melbourne, 1960; Sir K. Hancock, Australia, Brisbane, 1961; N. Learmonth, A. Learmonth, Regional Landscapes of Australia, Londra, 1972; B. Peter, Nei mari del Sud, Brescia, 1975.

Media


Non sono presenti media correlati