Questo sito contribuisce alla audience di

Tatarka, Dominik

narratore slovacco (Drienové, Považská Bystrica, 1913-Bratislava 1989). Dopo novelle di carattere psicologico (La ricerca angosciosa, 1942; La vergine dei miracoli, 1945) in cui adottò metodi surrealisti, si affermò con opere che lo collocano tra gli scrittori del realismo socialista (Repubblica di parroci, 1948; Il primo e il secondo colpo; Anni di amicizia, 1955). Più tardi Tatarka ha affrontato con toni nuovi e personali i problemi più attuali e significativi della società slovacca nelle note di viaggio (L'uomo in giro, 1957), nei ricordi (Discorsi senza fine, 1959) e soprattutto nel romanzo documentario Il demonio del consenso (1964). Da ricordare anche il romanzo per ragazzi Poltrone di vimini (1963) e i suoi saggi letterari e artistici riuniti nel volume Contro i demoni (1968). Dopo il 1969, per l'atteggiamento tenuto durante la “primavera praghese”, Tatarka non poté più pubblicare in patria. Durante il silenzio forzato, pubblicò all'estero, tra l'altro, Lo scrivere (1984) e Registrazioni (1988).

Media


Non sono presenti media correlati