Questo sito contribuisce alla audience di

Tecòppa

protagonista di una serie di farse in dialetto milanese scritte da vari autori (C. Rota, E. Bosisio, E. Giraud, ecc.) sulla misura dell'attore Edoardo Ferravilla e da lui portate al successo. Il personaggio si chiama Felice Marana, ma è il suo intercalare “Dio te coppa!”, a dargli il nome che diverrà famoso. Alto, allampanato, provvisto di enormi baffoni, è un individuo che vive ai margini della società cercando in qualche modo di arrangiarsi e trovandosi spesso in situazioni difficili. Frequenta ladri, aggira ingenui provinciali, si misura con gli arcigni rappresentanti della legge. È furbastro e spaccone, sostanzialmente un codardo. Alcune sue battute (“Ha detto male di Garibaldi” o “E io non accetto” rivolta al giudice che lo condanna) passano alla storia. Morto Ferravilla, il personaggio, spesso ripreso dagli attori milanesi, da P. Bonecchi a P. Mazzarella, vive nel ricordo e nella leggenda popolare.

Media


Non sono presenti media correlati