Questo sito contribuisce alla audience di

Tempèste sull'Àsia

(Potomok Čingiz-Chana). Film sovietico (1928) di V. Pudovkin. Un cacciatore mongolo (interpretato da V. Inkižinov) sfruttato come imperatore-fantoccio dagli occupanti inglesi (l'“erede di Gengis Khān” secondo il titolo originale), assume coscienza rivoluzionaria e guida la rivolta del suo popolo (la “tempesta sull'Asia” del titolo europeo). In questo terzo anello della sua “trilogia muta” (sonorizzato nel 1949), il regista de La Madre e della Fine di San Pietroburgo si mosse non meno genialmente su un terreno allora esotico, grazie alla magnifica fotografia documentaria di A. Golovnja, all'intensa umanità di certi passaggi (l'esecuzione) e ai forti accenti satirici anticolonialisti. L'opera divenne un modello per l'intero cinema asiatico, come più tardi Que viva Mexico! di S. Ejzenštejn per il cinema latinoamericano.

Media


Non sono presenti media correlati