Questo sito contribuisce alla audience di

Tertulliano, Quinto Settìmio Florènte

(latino Quintus Septimíus Florens Tertulliānus). Apologista cristiano (Cartagine ca. 155-ca. 222). Di famiglia benestante, ricevette un'ottima educazione prima a Cartagine e poi a Roma, dove divenne un eccellente avvocato, e in età matura si convertì al cristianesimo.Nel 197 tornò a Cartagine, divenne prete, si sposò e cominciò la sua produzione letteraria. Dieci anni dopo, il suo rigorismo lo portò a una rottura con la Chiesa cristiana e aderì dapprima alla setta dei montanisti, poi si staccò anche da essi per porsi a capo di un gruppo estremista di seguaci, che sopravvisse di un paio di secoli alla sua morte. Scrisse molti trattati (una trentina dei quali è giunta sino a noi), che hanno tutti in comune il carattere della polemica e il timbro della sua forte personalità d'uomo e di scrittore. Tertulliano intraprende la difesa programmatica della nuova fede contro il paganesimo, unendo al suo bagaglio culturale il suo temperamento polemico, l'abilità dialettica, il gusto per la satira, l'inclinazione verso l'intransigenza e il calore delle sue convinzioni. Al periodo dell'ortodossia risale l'Apologeticus, probabilmente il primo scritto in assoluto della letteratura cristiana latina e capolavoro di tutta la produzione di Tertulliano; l'opera è una difesa serrata, su basi giuridiche, delle accuse che venivano mosse ai cristiani di disprezzo per la religione dello stato e di tradimento. Seguono l'Ad nationes, De spectaculis, De idolatria, De cultu feminarum, De testimonio animae, Ad martyres, De baptismo haereticorum, De baptismo, De poenitentia, De oratione, De patientia, Ad uxorem, De praescriptione haereticorum, De virginibus velandis, De corona militis (sul servizio militate dei cristiani), De fuga in persecutione, De exhortatione castitatis, De Scorpiace, Adversus Hermogenem, De censu animae, Adversus Valentinianos, De anima, De carne Christi, De resurrectione carnis. La difesa cristiana e la polemica contro gli eretici si alternano in questi trattati, per lo più brevi, a prescrizioni di tipo etico e di comportamento anche esterno dei fedeli, sempre ispirati a grande severità. Al successivo periodo montanista si possono far risalire i cinque libri Adversus Marcionem (contro gli gnostici), Ad Scapulam, De pallio, Adversus Praxeam, Adversus Iudaeos e le ultime polemiche contro il lassismo dei cristiani.

Bibliografia

O. Tescari, Tertulliano, l'Apologetico, Torino, 1951; J. Quasten, Patrologia, Torino, 1967; R. Klein, Tertullian und das Römische Reich, Heidelberg, 1968; S. Vecchiotti, La filosofia di Tertulliano. Un colpo nella storia del cristianesimo primitivo, Urbino, 1970; R. D. Seider, Ancient Rhetoric and the Art of Tertullian, Oxford, 1971; S. Pezzella, Cristianesimo e paganesimo romano. Tertulliano e Minucio Felice, Bari, 1972; H. Hoppe, Sintassi e stile di Tertulliano, Brescia, 1985.

Media


Non sono presenti media correlati